» European Consumers membro del C.R.U.C. (Comitato Regionale Utenti e Consumatori), decreto n. T0421

European Consumers
CHI SIAMO | MISSION | INFO | LE ASSOCIAZIONI | LINK | FAQ  
AREE TEMATICHE
giovedý 14 dicembre 2017 - 01:39
GOOGLE
vino, birra e alcolici

26/11/2017 - rassegna stampa su vino, birra e altri alcolici del 25 novembre 2017 ( di redazione )

IL GIORNALE

Torino, la capitale del proibizionismo a 5 Stelle

Niente slot machine, alcol e auto: la sindaca emette ordinanze a raffica per vietare tutto

Lodovica Bulian - Sab, 25/11/2017

Niente auto, con blocco totale del traffico in caso di sforamento dei limiti di inquinamento dell'aria. Niente slot machine, con la limitazione del gioco a determinate fasce orarie. E, d'ora in poi, anche niente alcol.

Dopo la sperimentazione fatta all'indomani degli incidenti di piazza San Carlo e della movida selvaggia che ha turbato il sonno delle notti estive di Torino, la città sta per entrare ufficialmente nell'era del proibizionismo a Cinque stelle. Con buona pace delle proteste degli esercenti.

L'orario è ancora da definire, ma il provvedimento strutturale contro gli alcolici firmato Chiara Appendino è ormai imminente. Dopo il bando delle macchinette da gioco, limitate da un'ordinanza a determinate fasce orarie, arriva lo stop alla vendita di vino, birra o superalcolici da asporto. Il coprifuoco dovrebbe scattare dalle 21 e durare fino alle sei del mattino, ma l'orario resta da definire ed è ancora oggetto di trattativa. Di certo c'è che da ordinanza straordinaria, la restrizione che lo scorso luglio tanto aveva fatto infuriare i titolari degli esercizi delle zone di San Salvario, piazza Vittorio e Vanchiglia diventerà legge sotto la Mole. Fino a trovare spazio nel regolamento comunale. E soprattutto, il divieto dovrebbe venire esteso a tutta la città, non più solo alle zone «calde»: questa almeno la proposta approdata al tavolo di mercoledì tra comune e commercianti. Che si sono dimostrati d'accordo sulla stretta alla vendita all'esterno per ridurre i rumori e calmare i residenti sul piede di guerra. Ma non sull'altra richiesta avanzata dal Comune, ben più invasiva, di ridurre l'orario di apertura con chiusura obbligata alle due di notte. Imposizione inaccettabile per i commercianti. Questa volta del resto «tutti i partecipanti si sono detti d'accordo a estendere l'ordinanza a tutta la città ha dichiarato l'assessore al commercio Alberto Sacco ora dobbiamo capire tecnicamente come fare parlandone anche col prefetto».

Ma questo è solo il secondo atto della nuova disciplina imposta dalla grillina: la scorsa estate nel mirino erano finiti i dehors dei locali, che per tre settimane dovevano smettere di servire cocktail, birra e cibi nelle loro strutture esterne. Il divieto scattava alle 3 nelle notti di sabato e domenica, alle 2 del venerdì e all'1.30 nelle sere di lunedì, martedì, mercoledì e giovedì. L'ordinanza poi fu sospesa. Sotto una pioggia di critiche.

 

NTR24

Alcolisti Anonimi, a Benevento una due giorni per discutere su rischi e abusi da alcol

Di redazione - 25 Nov, 2017

Non lasciare le persone da sole, ma aiutarle con le esperienze e la comprensione di chi ha vissuto lo stesso problema ed è riuscito ad intraprendere un percorso per superare le difficoltà dell’alcolismo. Nasce da questa volontà il terzo seminario interregionale degli Alcolisti Anonimi, in programma oggi e domani all’Hotel Presidente di Benevento.

Una due giorni di incontro e confronto tra cittadini, studenti, professionisti del settore e membri dell’associazione su una delle emergenze sociali più critiche della società contemporanea e che negli ultimi anni sta investendo sempre un numero maggiore di giovani.

“Questa mattina – ha raccontato Luigi, membro degli Alcolisti Anonimi – abbiamo presentato le nostre attività in una riunione aperta. Da questo pomeriggio, e per tutta la giornata di domani, daremo vita a delle sedute chiuse. Da anni – ha aggiunto – l’associazione è impegnata a diffondere, promuovere e trasmettere un messaggio di speranza e di recupero”.

Fondamentale nel percorso di crescita è proprio il confronto con gli altri. Riuscire ad affrontare il problema con serenità e discuterne con ex alcolisti che conoscono bene le difficoltà che si possono trovare lungo il cammino.

All’evento hanno partecipato anche il Dott. Antonio Trabasso, psicologo presso la “ Villa dei fiori “ di Mugnano (NA); il Dott. Angelo Moretti, presidente Caritas di Benevento; il Dott. Pierluigi Vergineo, responsabile alcologia del SERT di Benevento, Don Cosimo Cavalluzzo in rappresentanza della diocesi di Benevento, il Dott. Luigi Nunziato direttore del pronto soccorso dell’ospedale “Rummo” di Benevento ed il Dott. Daniele Leone psicologo psicoterapeuta.

“L’obiettivo – ha concluso Luigi – è quello di riunire anche nel Sannio le diverse associazioni e le istituzioni sanitarie nel tentativo di affrontare in maniera globale il problema dell’alcolismo ed offrire un sostegno completo a chi ne ha bisogno”.

 

IL GIORNO

CRONACA

Cinisello: ubriachi al volante, torna l’emergenza. La polizia locale: "Alziamo la guardia"

In aumento i casi registrati dalle forze dell'ordine

di ROSARIO PALAZZOLO

Cinisello Balsamo (Milano), 24 novembre 2017 - All'alba di un sabato di inizio novembre, gli agenti della polizia locale si sono trovati a fare i conti con due giovani sudamericani che, dopo una notte di bagordi e alcol, si erano addormentati al volante fermi a un’incrocio del centro di Cinisello. Un episodio che racconta una tendenza purtroppo sempre più diffusa: la guida in stato d’ebbrezza. Che per la polizia locale di Cinisello Balsamo è tornata a essere un’emergenza. «Siamo dinanzi a un ritorno del fenomeno - spiega il comandante Fabio Crippa -. Purtroppo i numeri ci dicono che sempre più frequentemente le nostre pattuglie si imbattono in automobilisti che guidano ubriachi. Per fortuna non abbiamo registrato incidenti gravi, ma siamo coscienti che deve essere elevata l’attenzione da parte di tutti».

I numeri parlano chiaro. Lo scorso anno le violazioni alle norme del Codice della Strada per guida in stato di ebbrezza erano state in tutto 10. Quest’anno, fino a ottobre, sono state già 17 e di queste almeno 10 sono state rilevate negli ultimi tre mesi. Numeri piccoli, che si riferiscono a controlli mirati. Tuttavia c’è la convinzione che il fenomeno sia ancora più diffuso, soprattutto tra gli extracomunitari che nelle notti dei weekend alzano il gomito e poi si mettono alla guida come se nulla fosse. Ma questi non sono gli unici. Tra gli italiani il fenomeno è infatti più diffuso tra gli over 40.

A dimostrazione di ciò ci sono anche i risultati dei carabinieri che ogni fine settimana si imbattono in almeno un caso. La polizia locale negli ultimi mesi sta alzando l’attenzione, soprattutto nei controlli serali e all’alba. Le pattuglie dispongono anche di due nuovi sistemi di “pre test” che sono in grado di rilevare la presenza di alcol anche solo dal respiro delle persone controllate.

 

BLOGSICILIA

Denunciato e auto sequestrata per guida in stato d’ebbrezza, assolto dal giudice

Il giudice della seconda sezione penale del Tribunale di Palermo Maria D’Antonio ha assolto un automobilista dal reato di guida in stato di ebbrezza perché il fatto non sussiste. (*)

Il palermitano G.L.R. di 48 anni, assistito dall’avvocato Luisa Picciuca ha dimostrato che c’erano diversi vizi nella procedura che ha portato alla denuncia e al sequestro della vettura.

Il 10 novembre del 2012 l’uomo è stato bloccato a Sferracavallo nel corso di un posto di controllo dei carabinieri. Secondo quanto accertato dai militari l’uomo aveva un tasso alcolemico elevato tanto da fare scattare la denuncia e il sequestro dell’auto. A distanza di cinque anni l’automobilista è stato assolto.

L’avvocato ha dimostrato che il verbale era stato redatto alle 23.50 del 9 novembre. Mentre gli scontrini di prova dell’alcool test erano del 10: il primo alle 0.34 minuti il secondo alle 0.42 minuti.

Non solo ma i militari non hanno considerato che l’automobilista soffre di una grave cardiopatia che lo portava ad assumere farmaci che modificavano il valore dei controlli.

Sarebbe stato necessario un esame del sangue per accertare il livello dell’alcool. Esame che non è stato eseguito. Infine sono quattro gli elementi che devono confermare che l’uomo aveva ecceduto nel bere. L’alito pesante, l’andatura barcollante, gli occhi lucidi e il linguaggio sconnesso.

Nel verbale si faceva cenno a solo due fattori dei quattro previsti. Tutti vizi che sono stati accolti dal giudice anche alla luce delle diverse sentenze della Cassazione che hanno in Italia assolto diversi automobilisti multati e denunciati nel corso dei controlli delle forze dell’ordine.

Tutte sentenze che sono state prodotte dall’avvocato nel corso del dibattimento.

 

(*) Nota: se si è arrivati alla confisca del mezzo significa che l'alcolemia misurata era superiore a 1,5g/litro. Secondo il giudice, tuttavia, il fatto non sussiste per vizi di forma. Se ci fosse stato un incidente con vittime, come spiegare ai parenti che i morti non sussistono.

 

ALTRA CRONACA ALCOLICA

 

CITTA'DELLA SPEZIA

Retromarcia alcolica in centro, centra una Yaris davanti alla polizia

 

IRPINIANEW

Ubriachi al volante: due incidenti stradale sulla Av-Sa

 

LA STAMPA

Ubriaco al volante sfonda con il fuoristrada la recinzione del comando dei vigili urbani

 

ANSA

Sicurezza stradale: guida ubriaco, patente ritirata a Ora



All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrÓ farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione.