» European Consumers membro del C.R.U.C. (Comitato Regionale Utenti e Consumatori), decreto n. T0421

European Consumers
CHI SIAMO | MISSION | INFO | LE ASSOCIAZIONI | LINK | FAQ  
AREE TEMATICHE
giovedý 14 dicembre 2017 - 01:40
GOOGLE
vino, birra e alcolici

02/12/2017 - rassegna stampa su vino, birra e altri alcolici del 2 dicembre 2017 ( di redazione )

SIGNORA! COME PUO’ VEDERE DALL’ARTICOLO SUCCESSIVO CI SONO I CAT METODO HUDOLIN CHE POSSONO AIUTARE LA SUA FAMIGLIA!

http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2017/12/01/news/il-grido-di-una-madre-aiutate-mio-figlio-distrutto-dall-alcol-1.16186308 Il grido di una mamma: «Aiutate mio figlio distrutto dall’alcol»(*) È un atto d’amore oltre che di disperazione la richiesta di aiuto che una madre viareggina lancia attraverso il giornale alle autorità sociosanitarie 02 dicembre 2017 VIAREGGIO. È un atto d’amore oltre che di disperazione la richiesta di aiuto che una madre viareggina lancia attraverso il giornale alle autorità sociosanitarie. «Mio figlio è stato riconosciuto alcolista tale da tutte le istituzioni mediche in seguito a vari ricoveri urgenti, agli esami diagnostici che hanno evidenziato gravi danni irreversibili e agli incontri con il personale del Sert - spiega la donna - ho più volte rivolto un appello alle autorità competenti per il suo ricovero presso una struttura che lo aiuti a recuperare il suo stato di salute, perché io, operata un anno fa di tumore, non sono in grado di prendermi cura di lui che ormai ha seri problemi di equilibrio e non riesce a mantenere la postura eretta». «Tuttavia - prosegue - nonostante i miei continui ed accorati appelli, sembra che niente possa essere fatto senza il consenso di mio figlio: addirittura sono stata consigliata di denunciarlo per violenza nei miei confronti, atto - confessa - a cui non posso giungere perché mio figlio è una persona per natura pacifica». Da qui l’appello alle istituzioni attraverso il giornale. «Spero - dice la signora - di smuovere qualcosa che mi permetta di aiutarlo, perché nelle condizioni in cui si trova e nell’impossibilità da parte mia di sostenerlo adeguatamente, riesco solo a prevedere una triste fine».

(*) NOTA: se non già fatto, qualcuno dei club può contattare la signora attraverso il giornale! Grazie!

https://www.ilgiunco.net/2017/11/30/si-e-costituito-il-coordinamento-dei-club-alcologici-della-costa/ Si è costituito il coordinamento dei club alcologici della costa di Redazione - 30 novembre 2017 - 19:23 GROSSETO – Durante l’incontro delle ACAT (Associazione club alcologici territoriali) di Livorno, Val Di Cornia, Elba, Follonica, Grosseto Nord, e Grosseto Green, si è costituito ufficialmente il coordinamento delle associazioni dei club alcologici territoriali della Costa toscana, metodo Hudolin. «Questa iniziativa – affermano dall’Acat – propone di rafforzare la capacità di accoglienza nei Club delle famiglie con sofferenze complesse (alcol e disagio psichico, alcol e droga, alcol e azzardo ecc.), individuando le problematiche del sistema del Club, per aumentarne il numero e la qualità dei programmi, riducendo il numero degli abbandoni e la già buona percentuale di successo famiglie». «Ci auguriamo una collaborazione con i servizi sociali, sanitari e con le altre associazioni di volontariato per migliorare il benessere delle famiglie della nostra comunità. Nel programma di miglioramento continuo della qualità del lavoro dei Club il prossimo 28 gennaio a Piombino è previsto un incontro di aggiornamento di famiglie e servitori insegnanti sul tema “I club dell’ecologia sociale”». Info: info@centroalcologico-grosseto.it  – acatgrossetonord@gmail.com   www.centroalcologico-grosseto.it

CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI

http://www.ligurianotizie.it/via-del-campo-terra-di-nessuno-i-dettagli-dellarresto-del-senegalese-pericoloso/2017/12/01/270203/ Via del Campo terra di nessuno: i dettagli dell’arresto del senegalese pericoloso 1 dicembre 20170 Ieri sera un senegalese, poi risultato positivo al test sui cannabinoidi ed in evidente stato di alterazione dovuta all’abuso di alcol, è entrato più volte in un punto vendita di generi alimentari al dettaglio di via  Del Campo e, senza motivo, dopo aver prelevato delle bottiglie dagli scaffali le rompeva all’esterno del locale. Con alcuni cocci ha anche minacciato alcuni passanti, che sono scappati via terrorizzati. Il proprietario dell’esercizio ha quindi richiesto l’intervento di una pattuglia. Giunto sul posto un equipaggio del Nucleo Radiomobile, i militari identificavano l’africano che nel frattempo si era recato presso la sua abitazione (non molto distante). Dopo una breve colluttazione, l’immigrato è stato arrestato per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale poiché si è violentemente opposto al controllo scagliandosi sui carabinieri.

IL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE

http://www.forlitoday.it/cronaca/liti-e-ubriachezza-molesta-chiuso-nuovamente-un-bar-del-centro-storico-di-forli.html Liti e ubriachezza molesta: chiuso nuovamente un bar del centro storico di Forlì In più casi, i clienti del bar hanno creato problemi alla sicurezza e all’ordine pubblico rendendosi anche responsabili di comportamenti illeciti: in particolare liti e ubriachezza molesta nei confronti degli altri avventori. Redazione 02 dicembre 2017 10:18 Quattro mesi e mezzo dopo, ci risiamo. Il Questore di Forlì ha notificato al titolare del “Funny Bar” di via Giorgio Regnoli una nuova sospensione della licenza di pubblico esercizio per 15 giorni: i motivi sono gli stessi del provvedimento che, il 18 luglio scorso, aveva portato alla chiusura del bar del centro forlivese, gestito da un cinese. L’intervento dell’autorità di Pubblica Sicurezza è nato a seguito dell’intensificarsi dei controlli effettuati nell’ultimo mese in via Regnoli dalla Polizia di Stato e dal Reparto Prevenzione Crimine della Polizia stessa. In più casi, i clienti del bar hanno creato problemi alla sicurezza e all’ordine pubblico rendendosi anche responsabili di comportamenti illeciti: in particolare liti e ubriachezza molesta nei confronti degli altri avventori. Il 26 novembre appena trascorso, gli agenti erano dovuti intervenire per una furiosa lite che aveva portato uno dei due coinvolti al ricovero con l’ambulanza presso il pronto soccorso, dal quale era stato poi dimesso con una prognosi di 7 giorni. Il locale, condotto da un cittadino cinese, era stato anche oggetto di alcuni esposti da parte di gestori di altre attività oltre che dei cittadini residenti. Il provvedimento è stato emesso in base all’articolo 100 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza “in quanto le turbative all’ordine e alla sicurezza pubblica sono continuate nonostante il precedente atto, pur prescindendo dalla responsabilità diretta del titolare del locale, allo scopo di interrompere il collegamento tra il pubblico esercizio e i suoi abituali avventori”, come si legge nelle motivazioni.

http://www.sienafree.it/poggibonsi/95336-controlli-della-guardia-di-finanza-su-vendita-di-tabacchi-e-alcol-a-minori-multati-bar-e-tabaccheria Controlli della Guardia di Finanza su vendita di tabacchi e alcol a minori: multati bar e tabaccheria Sabato 02 Dicembre 2017 Nei giorni scorsi, i finanzieri della Tenenza di Poggibonsi, nell’ambito del controllo economico del territorio, hanno indirizzato la loro attività nei confronti degli esercenti che per tipologia di prodotti commercializzati sono più a rischio di violazioni delle normative previste a tutela della salute dei consumatori ed in particolare dei consumatori minorenni. In tale contesto, nelle ore diurne sono stati effettuati diversi controlli a rivendite di  tabacchi, soprattutto a quelle ubicate nei pressi delle scuole, finalizzati a verificare il rispetto della normativa che vieta la vendita di prodotti da fumo ai minori di anni 18, mentre nelle ore serali, i finanzieri, confondendosi nella movida, hanno rivolto la loro attenzione a bar e pub del centro storico di Poggibonsi per verificare la corretta applicazione della legge che pone il divieto di vendita di alcolici ai minorenni. In entrambi i casi i primi controlli fatti, sia di mattina che di sera, hanno permesso di cogliere in flagranza un tabaccaio che aveva venduto un pacchetto di sigarette ad una ragazza di 16 anni ed un barista che aveva venduto una birra ad un ragazzo di anni 17. Per quanto riguarda la vendita di tabacchi l’esercente è stato multato con un verbale che va da un minimo di 500 ad un massimo di 3.000 euro mentre con riferimento alla vendita di alcolici l’esercente ha ricevuta una multa che va da un minimo di 250 ad un massimo di 1.000. E non finisce qua, in quanto in caso di recidiva gli esercizi commerciali rischiano anche la chiusura. L’attività svolta segue il percorso ormai ampiamente tracciato dalla Guardia di Finanza che vede le Fiamme Gialle impegnate a sostenere e tutelare gli “esercenti corretti”, in quanto rispettano gli obblighi di legge e contribuiscono a fare in modo che i luoghi di pubblico ritrovo siano soprattutto un luogo di sano divertimento, rispetto alla concorrenza sleale ed illecita di chi non si fa scrupoli nel fornire sostanze alcoliche e/o tabacchi ai minori, non dimostrando rispetto della tutela della salute dei più giovani, oltreché della sicurezza della comunità e dell’ordine pubblico in generale.

http://www.gioianews.it/controllo-dei-carabinieri-sul-territorio-4-persone-denunciate-furto-2-guida-ebbrezza/  Controllo dei Carabinieri sul territorio: 4 persone denunciate per furto, 2 per guida in stato di ebbrezza 2 dicembre 2017 La Redazione Cronaca Nella serata di ieri, i militari della Compagnia di Gioia del Colle hanno effettuato un servizio a largo raggio di controllo del territorio, finalizzato al contrasto della criminalità in genere e al controllo della circolazione stradale. 10 i militari delle Stazioni Carabinieri di Casamassima e Gioia del Colle e un velivolo del 6° Nucleo Elicotteri di Bari Palese impegnati in posti di controllo lungo le principali arterie stradali e al controlli dei soggetti colpiti da misure restrittive, arresti domiciliari e sorveglianze speciali. Durante il servizio di pattugliamneto è stato fermato un nucleo familiare di origini albanesi che aveva da poco sottratto della merce del valore di circa 300 euro da un negozio di abbigliamento all’interno del centro commerciale di Casamassima. Nei guai anche un 27enne di Sammichele di Bari che è stato trovato in possesso di piccoli arnesi presi all’interno del negozio “Leroy Merlin”. La refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari, mentre per i soggetti coinvolti è scattato il deferimento all’Autorità Giudiziaria di Bari. A Gioia del Colle, le pattuglie del Nucleo Radiomobile hanno sorpreso due automobilisti in evidente stato di ebbrezza, risultati positivi al test alcolimetrico effettuato sul posto, riscontrando valori che hanno fatto scattare la denuncia all’Autorità Giudiziaria. Agli stessi,  un 28enne di Acquaviva ed un 25enne di Gioia del Colle sono state anche ritirate  le patenti di guida. Sono state elevate svariate sanzioni per violazioni alla circolazione stradale ed in particolare quelle inerenti le norme di comportamento, tra cui l’uso del telefono alla guida e il mancato uso della cintura di sicurezza.

GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

http://bresciasettegiorni.it/cronaca/alla-guida-ubriaco-scatta-sequestro-dellauto/ Guida ubriaco, per lui auto sequestrata e ritiro della patente 2 dicembre 2017 E' successo a Bagnolo Mella. Per chi ha il vizio di «alzare il gomito» non c’è un orario vero e proprio nel quale cadere nelle grinfie demoniache dell’alcol. E così può capitare che un uomo si ritrovi ubriaco alle 16.30 di un normalissimo martedì pomeriggio. Ad attirare l’attenzione degli agenti della Polizia Locale di Bagnolo Mella, proprio la condotta dell’uomo che governava l’auto con molta fatica. I Vigili, impegnati in quel momento a smistare il traffico dopo l’uscita di scuola dei ragazzi, hanno visto l’uomo dare dei segni strani e hanno deciso di fermarlo. Una volta imposto l’alt al guidatore, che ha abbassato il finestrino, è arrivata agli agenti una vampata di alcol. A quel punto l’uomo è stato portato nel vicino comando di Polizia Locale e sottoposto alla prova dell’etilometro. In quel caso ha toccato i 2.35, quasi cinque volte la soglia del consentito. L’uomo è risultato anche proprietario della macchina e dunque oltre alla patente ritirata ha subito anche il sequestro del suo mezzo. Il giudice poi deciderà a quanto ammonterà la multa. Questa però non è stata l’unica denuncia portata avanti dalla Polizia Locale. La Polizia Locale di Bagnolo Mella ha fermato anche un ragazzo di Leno, in seguito a dei normali controlli. Vedendo i segni di nervosismo dati dal giovane, che reagiva in maniera strana alla richiesta di documenti, la Polizia Locale ha deciso di controllare l’autovettura trovando poi della droga. A quel punto il ragazzo è stato accompagnato all’ospedale Civile di Brescia per fare l’analisi tossicologica, alla quale è risultato positivo alla cannabis. In questo caso però la macchina non era intestata al giovane lenese che dunque subirà «solo» la sospensione della patente (oltre alla multa), senza confisca della macchina. Due brillanti operazioni dunque portate avanti dalla Polizia Locale, che aspetta di vedere rafforzato il proprio organico. Ieri, giovedì, scadeva infatti il bando di mobilità per nuovi agenti, quelli che vuole inserire l’Amministrazione comunale per rimpolpare una «squadra» che comunque non ha smesso di funzionare, anche a ranghi ridotti.

http://messaggeroveneto.gelocal.it/pordenone/cronaca/2017/12/02/news/urta-due-auto-la-pensilina-e-un-muro-aveva-bevuto-1.16186474 Urta due auto, la pensilina e un muro: aveva bevuto Mercedes semina il panico a Ovoledo, ma nessuno rimane ferito. La Polstrada ha denunciato per guida in stato di ebbrezza la conducente di Ilaria Purassanta 02 dicembre 2017 ZOPPOLA. Mercedes fuori controllo semina il panico nella frazione di Ovoledo. Sottoposta all’alcoltest la conducente risulta positiva alla prova: nelle sue vene scorre un tasso alcolemico di 1,19 grammi per litro, più del doppio della soglia massima consentita. L’automobile comincia a sbandare intorno alle 17.20 in via Castions, giovedì pomeriggio. Prima urta una Hyundai Tucson parcheggiata nei pressi delle scuole, poi striscia, in fase di sorpasso, la fiancata di una Fiat Punto. Nella sua corsa – a velocità peraltro moderata – abbatte poi la pensilina dove i passeggeri solitamente attendono i bus. Per fortuna in quel momento non c’era nessuno sotto la tettoia. Infine la Mercedes va a sbattere contro il muro di cinta di un’abitazione a 500 metri di distanza, sempre in via Castions. Nonostante i plurimi impatti la conducente, una sessantenne di Zoppola, rimane incolume. Sul posto accorrono i vigili del fuoco di San Vito al Tagliamento, che mettono in sicurezza i manufatti danneggiati dal veicolo e la Polstrada di Spilimbergo che effettua i rilievi dell’incidente. A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine sono i residenti di via Castions, richiamati in strada dal fragore dei ripetuti schianti e gli altri automobilisti coinvolti. Gli agenti della Polstrada stanno verificando se si possano, o meno, ipotizzare altre violazioni del codice della strada in relazione alle condotte alla guida tenute dalla sessantenne di Zoppola. Bisognerà anche capire quanti chilometri abbia percorso l’automobile. La donna al volante della Mercedes è stata sottoposta, nel frattempo, all’etilometro. La sessantenne è risultata positiva. È scattata, così, la denuncia per guida in stato di ebbrezza.

INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E PREVENZIONE

Un’iniziativa di prevenzione ideale sarebbe quella di sensibilizzare tutti gli insegnanti delle scuole in modo che poi, a loro volta, possano sensibilizzare in ogni momento i loro alunni.

http://www.gonews.it/2017/12/02/sicurezza-stradale-400-studenti-empoli-lezione-dalla-polizia-municipale/ Sicurezza stradale, 400 studenti di Empoli a lezione dalla polizia municipale 02 dicembre 2017 10:21 Dopo il successo delle precedenti edizioni, per il terzo anno consecutivo si terrà a Empoli il Progetto DAVID- insieme per la sicurezza. Oltre 400 ragazzi si ritroveranno nella mattina di martedì 5 dicembre al Palazzo delle Esposizioni per una lezione sulla sicurezza stradale. L'iniziativa, rivolta alle classi terze, quarte e quinte delle scuole superiori dell'Empolese Valdelsa, sensibilizza i giovani sulle conseguenze che potrebbe avere un loro comportamento sbagliato sulle strade. L’incontro è stato organizzato dai Lions Clubs della Zona B, in collaborazione con la Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, della Polizia Stradale Distaccamento di Empoli e del 118, e vedrà la presenza attiva dell’Associazione “Lorenzo Guarnieri”. L'evento è patrocinato dal Comune di Empoli. Dopo i saluti del Governatore dei Lions toscani Fabrizio Ungaretti, del Sindaco di Empoli Brenda Barnini e di Annalisa Maritan, Comandante Polizia Municipale Unione Comuni Empolese Valdelsa, interverranno: Stefania Guarnieri - Associazione Lorenzo Guarnieri, Fabrizio Colombini - Comandante della Polizia Stradale Empoli, e Alessio Lubrani - Direttore 118 Empoli. I lavori saranno coordinati da Corrado Quaglierini, Presidente della Zona B formata dai Lions Clubs partecipanti. La grande assemblea del 5 dicembre è il punto di partenza del progetto DAVID – Insieme per la sicurezza stradale, un programma di incontri nelle scuole superiori dell'Empolese Valdelsa per mettere di fronte le esperienze e gli insegnamenti di vari soggetti. Gli Istituti Superiori coinvolti sono tutti quelli presenti nel territorio degli 11 Comuni dell’Unione: ‘Ferraris/Brunelleschi’ di Empoli, ‘Fermi-Leonardo Da Vinci’ di Empoli, ‘Il Pontormo’ di Empoli, ‘Virgilio’ di Empoli, ‘Conservatorio SS.Annunziata’ Empoli, ‘Calasanzio’ Empoli, ‘Federigo Enriques’ di Castelfiorentino, 'Arturo Checchi' di Fucecchio. Oltre agli agenti della polizia municipale, della polizia stradale e agli operatori del 118, grande spazio avrà l'Associazione Lorenzo Guarnieri. Lorenzo Guarnieri è un ragazzo fiorentino ucciso nella notte tra il 1 e il 2 giugno 2010 nel Parco delle Cascine a Firenze, travolto mentre era in scooter da un altro mezzo a due ruote guidato da un uomo di 45 anni che guidava sotto l'effetto di cannabis e alcol. Lorenzo aveva 17 anni e mezzo e frequentava il quarto anno del liceo scientifico, giocava a pallavolo nella Sales, fra tutti gli sport amava soprattutto il calcio. Da quel giorno mamma Stefania e babbo Stefano hanno iniziato un'opera di sensibilizzazione a più livelli, dai coetanei del figlio al mondo delle istituzioni, impegnandosi in decine di incontri e coinvolgendo tante persone, avviando una lunga battaglia per il riconoscimento (poi avvenuto) del reato di omicidio stradale. Il Progetto DAVID, acronimo di D- Dati e analisi (sistema informativo completo, unico e integrato) A- Aderenza alle regole (legge, pene, controlli) V- Vita e educazione (formazione e giovani e adulti) I- ingegneria (infrastrutture stradali) D- Dopo lo scontro (assistenza alle famiglie e analisi dello scontro), coinvolge circa 2000 ragazzi ogni anno tra alunni delle terze medie, scuole superiori e società sportive.

http://rietinvetrina.it/la-polizia-municipale-di-rieti-tiene-lezioni-agli-alunni-dellistituto-savoia/ La Polizia Municipale di Rieti tiene lezioni agli alunni dell’Istituto Savoia 01/12/2017 13:12 Si è concluso questa settimana il progetto “Vogliamoci bene”, bella iniziativa voluta e curata dall’IIS Luigi di Savoia di Rieti e che, più propriamente, ha coinvolto il Socio Sanitario/Odontotecnico e il Tecnico Agrario della sede di via Togliatti. “Vogliamoci bene” ha interessato gli alunni delle classi quarte e quinte delle due scuole, quelli che già possiedono una patente di guida o che sono in procinto di conseguirla – dice la Prof.ssa Antonella Carapacchio che è stata il dominus di questa bella e costruttiva iniziativa – il progetto ha coinvolto a pieno titolo la Polizia Municipale di Rieti, più propriamente nella persona del Sovrintendente, Monia Penna, che è stata gentilissima, competente e professionale nei confronti dei nostri giovani”. “Vogliamoci bene” ha voluto sensibilizzare i ragazzi del Socio Sanitario/Odontotecnico  e del Tecnico Agrario sulle problematiche – scottanti – relative alla guida in stato di ebbrezza. Non è stato disdegnato l’istituto dell’omicidio stradale che, dopo tanto tergiversare, è finalmente e di recente divenuto legge dello Stato. “La Sovrintendente Penna ha molto e ben illustrato – prosegue la Prof.ssa Carapacchio – le conseguenze relative alla guida in stato di ebbrezza. Sono anche state fatte alcune simulazioni attraverso il ricorso all’alcol test per il quale alcuni ragazzi hanno mangiato cioccolatini al liquore(*) e, poi, sono stati “testati”, ovviamente manifestando il proprio consenso all’iniziativa. Il progetto e le tematiche affrontate sono state molto interessanti anche per tutti i docenti che hanno accompagnato gli allievi durante le lezioni tenute dalla rappresentante della Municipale di Rieti”. “Vogliamoci bene” ha interessato complessivamente un vasto uditorio – sono oltre 150 i giovani che hanno seguito con vivo interesse, ponendo quesiti tra i più variegati, le lezioni – ed ha avuto positive ripercussioni che i giovani hanno esternato successivamente, in classe, ai propri docenti. “Mi sento in dovere di porgere i ringraziamenti miei, della scuola, degli allievi come dell’intero corpo docente alla Polizia Municipale di Rieti – afferma con viva soddisfazione il dirigente scolastico, prof.ssa Maria Rita Pitoni, sempre particolarmente attenta e sensibile alle tematiche attuali che coinvolgono i giovani del nostro territorio – credo che, nella circostanza, le lezioni tenute da un valido rappresentante della Municipale di Rieti siano state di particolare utilità e un solido, quanto ineludibile sussidio per “costruire” cittadini consapevoli dei propri diritti ed  anche, ove non soprattutto, dei loro doveri “sulla strada” ”.

(*) NOTA: non sono d’accordo che per fare prevenzione si dia da bere superalcolici ai ragazzi, anche se si tratta di una piccola quantità contenuta in un cioccolatino. Del resto i ragazzi sanno benissimo cosa si prova a consumare bevande alcoliche!

All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrÓ farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione.