» European Consumers membro del C.R.U.C. (Comitato Regionale Utenti e Consumatori), decreto n. T0421

European Consumers
CHI SIAMO | MISSION | INFO | LE ASSOCIAZIONI | LINK | FAQ  
AREE TEMATICHE
sabato 25 novembre 2017 - 08:40
GOOGLE
signoraggio e sovranità monetaria

05/04/2013 - Ecco chi è veramente Napolitano????!!!!, di Casimiro Corsi

Con una piccola censura, riproduciamo l'articolo di Casimiro Corsi

Ecco chi è il nostro amato presidente della repubblica che autorizzando la modifica dell'art 3 dello Statuto di Bankitalia ci ha venduto ai bankieri!!! L'amato Napolitano, che è ingiustamente accusato, firmò la riforma dell'art 3 dello Statuto di Bankitalia per poterla far diventare privata: Il vecchio art 3 imponeva: “Il capitale della Banca d’Italia è di 156.000 euro rappresentato da quote di partecipazione di 0,52 euro ciascuna . Le dette quote sono nominative e non possono essere possedute se non da: a) Casse di risparmio; b) Istituti di credito di diritto pubblico e Banche di interesse nazionale; c) Società per azioni esercenti attività bancaria risultanti dalle operazioni di cui all’ art. 1 del decreto legislativo 20.11.1990, n. 356; d) Istituti di previdenza; e) Istituti di assicurazione. Le quote di partecipazione possono essere cedute, previo consenso del Consiglio superiore, solamente da uno ad altro ente compreso nelle categorie indicate nel comma precedente. In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici.” Quindi imponeva una maggioranza pubblica e non privata. I privati proprietari della Banca d’Italia, essendo consci di questo punto debole, si sono adattati con governatore Draghi lo statuto a loro uso e consumo La sottrazione definitiva della Sovranità monetaria, come su detto, si è avuta quando il 12/12/2006 è stato approvato per Decreto ( all 6), dal Presidente del Consiglio R Prodi (ex consulente Goldman Sachs), dal presidente della Repubblica G Napolitano e dal min dell’Economia T Padoa Schioppa (membro dell’Aspen institute membro della Commissione trilaterale e membro del Bilderberg) e con Mario Draghi ( dal 2002 2005 vicepresidente e membro del management Committee Worldwide della Goldman Sachs) governatore di Bankitalia,il nuovo art 3 dello statuto della Banca d’Italia il quale, come già detto, così riportava: “In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici.” Il nuovo art 3 dello Statuto è diventato: NUOVO ART 3 STATUTO Il capitale della Banca d'Italia e' di 156.000 euro ed e' suddiviso in quote di partecipazione nominative di 0,52 euro ciascuna, la cui titolarita' e' disciplinata dalla legge. Il trasferimento delle quote avviene, su proposta del Direttorio, solo previo consenso del Consiglio superiore, nel rispetto dell'autonomia e dell'indipendenza dell'Istituto e della equilibrata distribuzione delle quote. Avallando questa modifica allo Statuto della Banca d’Italia il governo ha definitivamente trasferito la Sovranità monetaria nelle mani della Banca d’Italia che è una banca quasi al 100% privata, 5% all’INPS, come si può verificare nella composizione azionaria. Gli italiani devono sapere chi c'è alla presidenza della Repubblica Casimiro Corsi Casimiro Corsi «La banca trae beneficio dall’interesse su tutta la moneta che crea dal nulla» W. Paterson, fondatore nel 1694 della prima Banca Centrale al mondo, la Banca d’Inghilterra

All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrà farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione.