» European Consumers membro del C.R.U.C. (Comitato Regionale Utenti e Consumatori), decreto n. T0421

European Consumers
CHI SIAMO | MISSION | INFO | LE ASSOCIAZIONI | LINK | FAQ  
AREE TEMATICHE
giovedý 14 dicembre 2017 - 01:35
GOOGLE
ambiente, elettrosmog e disastri vari

25/02/2015 - Appello per la difesa della salute dalle radiazioni a radiofrequenza e microonde

Pur non avendo nessuna stima delle atuali Istituzioni parlamentari, condividiamo l'appello

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Appello per la difesa della salute

dalle radiazioni a radiofrequenza e microonde

 

Lettera aperta della Task Force sui Campi Elettromagnetici

 

 

Roma, 26 febbraio 2015

Al Presidente della Repubblica Italiana

Sergio Mattarella

 

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Matteo Renzi

 

Al Presidente del Senato

Pietro Grasso

 

Al Presidente della Camera

Laura Boldrini

 

Ai Deputati e Senatori del Parlamento Italiano

 

Ai Deputati italiani al Parlamento Europeo

 

Ai Presidenti delle Regioni

 

Al Presidente dell'ANCI

 

Oggetto: Diffida a non attuare il rilassamento dei livelli di protezione della popolazione dai campi elettromagnetici di radiofrequenza e microonde.

 

            Illustrissimi,

            avendo appreso delle intenzioni del Consiglio dei Ministri di procedere a breve alla approvazione di due provvedimenti sulla “Strategia per la banda ultralarga” e la “Crescita digitale”, in cui sono contenuti i propositi di innalzare i limiti elettromagnetici attualmente in vigore nel nostro Paese nonché di diffondere la tecnologia wi-fi nei luoghi pubblici, in particolare scuole, ospedali e uffici, i sottoscritti medici, fisici, biologi, ingegneri e ricercatori, rappresentanti politici, rappresentanti di associazioni, di comitati legalmente costituiti e di fondazioni, con la presente denunciano i gravissimi rischi per la salute e per l'ambiente connessi all'esposizione crescente a campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde che sono emessi da cellulari, tablet, computer collegati in reti senza fili, antenne Wi-Fi, Wi-Max, radar, ripetitori della radiofonia, della radiotelevisione e della telefonia mobile DECT, GSM, UMTS e LTE (4G).

            Le emissioni elettromagnetiche di questi dispositivi di telecomunicazione vanno a sommarsi ad altre fonti di inquinamento elettromagnetico di bassa frequenza, come quella connessa alla trasformazione, al  trasporto e all'uso dell’energia elettrica.

            La diffusione pressoché ubiquitaria di tali strumenti per le telecomunicazioni nelle abitazioni, nei luoghi di lavoro, nelle università, nelle scuole, negli ospedali e nei luoghi dove si trascorre il tempo libero, non solo è irrazionale perché potrebbe essere sostituita da connessioni via cavo, più efficienti e sostenibili, ma comporta seri danni alla salute nonché gravi rischi per la specie Umana, compromettendo

§         la capacità riproduttiva,

§         le capacità neuro-cognitive

§         e la conservazione del genoma.

            Nell'ultimo decennio si sono profuse risoluzioni scientifiche[1],[2],[3],[4],[5] e governative,[6] consensi scientifici e documenti di posizione,[7] rapporti di gruppi di scienziati indipendenti[8] e appelli ai governi[9] per invitare a limitare la diffusione dell'uso di tecnologie di comunicazione senza fili e per promuovere degli standard di sicurezza per i campi elettromagnetici basati sulle evidenze biologiche, con un limite di esposizione che per le radiofrequenze è stato individuato in 0,6 V/m.

            E' ormai noto, infatti, che gli standard promossi dalla IEEE del 1992 sono obsoleti, perché si basano esclusivamente sugli effetti termici dei campi elettromagnetici, ovvero sul riscaldamento prodotto da essi, mentre è stato ampiamente dimostrato che campi elettromagnetici deboli, non in grado di produrre alcun riscaldamento, producono numerosi effetti biologici. Questo avviene perché la materia vivente funziona attraverso scambi chimici e segnali elettromagnetici che possono subire alterazioni in presenza di campi elettromagnetici esterni anche debolissimi.

            L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato nel 2011 la radiofrequenza come "possibile cancerogeno per l'Uomo" in Classe 2B, smentendo che esistono solo effetti termici di tali campi. Tuttavia, sono emerse in poco tempo nuove evidenze scientifiche del rischio cancerogeno: uno studio epidemiologico svedese[10] e uno studio francese,[11] entrambi  del 2014, concludono che la radiofrequenza dovrebbe essere classificata come "cancerogeno certo per l'Uomo" in Classe 1 e che gli effetti dell'esposizione a radiofrequenza sono cumulativi.

            Una ricerca scientifica del 2010[12] sull'applicazione del principio di precauzione, indagando la questione dei campi elettromagnetici e altri fenomeni, ha concluso che "Gli scienziati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della Commissione Europea non si basano sul principio di precauzione quando stilano un rapporto sui rischi per la salute" sostanzialmente perché si basano solo sulla certezza del rischio, invece di tenere in considerazione le prove di un rischio possibile, che è quanto andrebbe fatto per osservare il principio di precauzione.

            L'attuale limite italiano per le radiofrequenze è di 6 V/m per i luoghi ove si soggiorna per più di 4 ore. Questo limite, stabilito dal D.P.C.M. 8/7/2003, era riferito ad una misurazione calcolata su una media di 6 minuti, che è il tempo in cui avviene la compensazione degli effetti termici dei campi elettromagnetici.

            Nel 2012 l'allora governo Monti, per agevolare l'industria delle telecomunicazioni e in particolare l'installazione dei ripetitori della telefonia mobile di quarta generazione, decise in carenza di istruttoria e senza alcuna valutazione di carattere sanitario, con il Decreto Sviluppo bis[13] di innalzare il tempo di misurazione dei cem a 24 ore, creando di fatto un artificio per aumentare i limiti di legge (di notte le antenne hanno emissioni molto basse perché i dispositivi mobili non sono in uso e tali valori compensano i limiti più elevati delle ore diurne nel calcolo della media).  Ulteriori normative, varate per lo più con decretazione d’urgenza,[14] hanno introdotto nella legislazione italiana ennesime procedure semplificate per determinate tipologie d’impianti, agevolando ancor più gli operatori nelle pratiche autorizzative e di installazione delle antenne.

            Con questa lettera aperta, pertanto, i sottoscritti diffidano i membri del Governo dall'attuare il rilassamento degli attuali livelli di protezione della popolazione dai campi elettromagnetici di radiofrequenza e microonde, in quanto la normativa italiana attuale è già adeguata alla raccomandazione 1999/519/CE nei Considerando.

            Vi invitiamo altresì ad adottare le seguenti misure urgenti:

1.    Abrogazione dell'Art. 14, comma 8, del d. l. 179/12, noto come “Decreto Sviluppo bis”, convertito in Legge 221/12, al fine di riportare la misurazione dei campi elettromagnetici su una media di 6 minuti anziché di 24 ore;

 

2.    Approvazione di un decreto attuativo della Legge 36/2001 per quanto riguarda i dispositivi mobili con l'adozione degli stessi limiti di esposizione delle antenne dei sistemi fissi;

 

3.    Revisione dei limiti di esposizione per tutte le radiofrequenze e le microonde a 0,6 V/m per i luoghi ove si permanga per più di 4 ore e di 0,2 V/m come obiettivo di qualità, come promosso dalla Risoluzione 1815 del maggio 2011 dall'Assemblea Plenaria del Consiglio d'Europa (punto 8.2.1), basandosi sulle posizioni dell'ICEMS e di Bioinitiative;

 

4.    Promozione di investimenti pubblici e detassazione per la connettività in fibra ottica e via cavo che è la tecnologia più efficiente e completamente sicura per la salute;

 

5.    Divieto di installazione di reti Wi-Fi negli asili e nelle scuole frequentate da bambini e ragazzi al di sotto dei 16 anni, posto che la precoce esposizione a radiofrequenza rappresenta un aumentato rischio di sviluppo di cancro per effetto dell'accumulazione e perché studi su animali hanno dimostrato disturbi neuro-comportamentali associati a questo tipo di esposizione;[15]

 

6.    Divieto di installazione di reti Wi-Fi nei luoghi di cura e negli ospedali, perché la  radiofrequenza del Wi-Fi promuove lo stress ossidativo[16],[17],[18] e interferisce con la vitalità cellulare[19] e con la funzione riproduttiva[20];

 

7.    Divieto di installazione di reti Wi-Fi in tutti i luoghi ove operano professionisti il cui lavoro richiede concentrazione e precisione, come le sale operatorie, perché la radiofrequenza interferisce con il corretto funzionamento neurologico (inibizione dell'acetilcolisterenasi[21], apertura della barriera emato-encefalica[22]);

 

8.    Obbligo da parte delle Agenzie di Salute Pubblica di assumere le proprie valutazioni del rischio per la salute connesse alla radiofrequenza, selezionando gli studi scientifici indipendenti ed escludendo quelli finanziati dall'industria delle telecomunicazioni o da fondazioni ed enti no-profit finanziati dalla stessa (il giudice della Corte di Appello di Brescia ha stabilito un nesso causale tra tumore cerebrale ed esposizione al telefono cellulare specificando che solo effettuando una selezione della fonte del finanziamento degli studi si possono raggiungere valutazioni scientifiche indipendenti);

 

9.    Obbligo per gli enti locali di adottare piani regolatori degli impianti radioelettrici e di telefonia mobile, attraverso la modifica dell'art. 8, 6° comma della Legge Quadro 36/2001.

 

            Un eventuale ritardo nell’assumere provvedimenti cautelativi in materia di campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde non può essere in alcun modo paragonabile a ritardi già verificatisi in passato su questioni ambientali, come nel caso dell'amianto, del mercurio o del piombo, in quanto l'esposizione a radiofrequenza è diventata in pochi anni praticamente ubiquitaria e, quindi, il numero dei soggetti esposti è notevolmente alto e l'impatto della radiofrequenza e delle microonde sulla salute rischia di comportare da qui a dieci anni costi socio-sanitari e umani incalcolabili.

            In attesa di un Vostro positivo riscontro, ci rendiamo disponibili a fornire documentazione scientifica a sostegno della nostre richieste.

            Con i nostri più cordiali saluti.

 

 

Firme (in ordine di adesione)

 

Medici e Ricercatori

 

Dott. Livio Giuliani

Fisico, Dirigente di ricerca ex-ISPESL, Firenze

Portavoce della Commissione Internazionale

per la Sicurezza dei Campi Elettromagnetici (ICEMS)

 

Dott. Fiorenzo Marinelli

Biologo, Ricercatore dell'Istituto di Genetica Molecolare del CNR, Bologna

Membro fondatore dell'ICEMS

 

Prof. Mauro Cristaldi

Naturalista, Professore associato di Anatomia Comparata per Sc. Naturali

Dip. di Biologia e Biotecnologie "C. Darwin"

Centro di Ricerca per le Scienze Applicate alla Protezione dell'Ambiente e dei Beni Culturali

Sapienza Università, Roma

 

Dott. Mario C. Canciani

Medico Pediatra, Responsabile Servizio di Allergo – Pneumologia, Clinica Pediatrica dell’Università di Udine.

Referente scientifico “CO.S.E.” (COmitato Studio Elettrosmog), Udine

 

Dott. Settimio Grimaldi

Chimico Biofisico Ricercatore Associato Istituto di Farmacologia Traslazionale CNR

Area della Ricerca CNR di Tor Vergata-Roma

 

Prof. Mario Barteri

Ordinario di Chimica Fisica Biologica

"Sapienza" Università di Roma

 

Prof. Giuseppe Genovesi

Medico Ricercatore presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale

Università di Roma "La Sapienza", Policlinico Umberto I - Roma,

Specialista in Endocrinologia e Malattie Metaboliche,

Specialista in Psichiatria,

Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica,

 

 

.....

 

Biologi, Fisici e Ingegneri

 

………

 

Ing. Raffaele Capone, ingegnere elettronico, Roma. Perito di parte nel procedimento penale indiziario n. 33642/03 del Tribunale di Roma nei confronti dei responsabili della stazione radiofonica di Radio Vaticana.

 

Associazioni e Comitati Legalmente Costituiti

 

Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (AMICA)

www.infoamica.it

 

Associazione “Coordinamento dei Comitati di Roma Nord”, Roma

cittadinitattivi@libero.it

 

 

Italia Nostra Castelli Romani

 

seguono adesioni...

 

[1] Johansson O., The London Resolution, Pathophysiology 16 (2009) 247–24.

[2] Risoluzione di Potenza Picena, 21 aprile 2013.

[3] Electromagnetic fields from mobile phones: health effect on childre and teenagers, Resolution of the Russian National Commitee on Nonionizing Radiation Protection, April 2011, Moscow.

[4] Appello di Friburgo, 9.10.2002.

[5] The Benevento Resolution 2006, Electromagnetic Biology and Medicine, 25:4, 197 - 200.

[6] Risoluzione dell'Assemblea Plenaria del Consiglio d'Europa n. 1815 del maggio 2011.

[7] Consenso di Seletun

[8] Rapporto Bioinitiative 2007 e 2012; ICEMS Monograph, 2010.

[9] Appello di Friburgo, IGUMED – Associazione interdisciplinare per la medicina ambientale, 9.10.2002; Appello di Bamberg, 50 medici olandesi chiedono protezione dai rischi da radiazioni elettromagnetiche,

Comunicato stampa di Stralingsrisicos, 8 aprile 2009

[10] Hardell L. e Carlberg M., Mobile phone and cordless phone use and the risk for glioma – Analysis of pooled case control studies in Sweden, 1997–2003 and 2007–2009, in Pathophysiology, pubblicato online il 28 ottobre 2014.

[11] Coureau G. e altri, Mobile phone use and brain tumours in the CERENAT case-control study, Occup Environ Med doi:10.1136/oemed-2013-101754.

[12] Dämvik M. e Johansson O., Health Risk Assessment of Electromagnetic Fields: A Conflict between the Precautionary Principle and Environmental Medicine Methodology, Reviews on Environmental Health, volume 25, No. 4, 2010.

[13] Art. 14, comma 8, L. 221/2012.

[14] L. 73/2010, L. 111/2011, D.Lgs. 70/2012, L. 164/2014

[15] Fragopoulou AF e al. (2010). Whole body exposure with GSM 900MHz affects spatial memory in mice. Pathophysiology, 17(3):179-187; Fragopoulou AF et al. (2012). Brain proteome response following whole body exposure of mice to mobile phone or wireless DECT base radiation. Electromagn Biol Med, 31(4):250-274.

[16] Atasoy HI, et al. Immunohistopathologic demonstration of deleterious effects on growing rat testes of radiofrequency waves emitted from conventional Wi-Fi devices. J Pediatr Urol. 2012 Mar 30.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22465825.

[17] Aynali G et, Modulation of wireless (2.45 GHz)-induced oxidative toxicity in laryngotracheal mucosa of rat by melatonin. Eur Arch Otorhinolaryngol. 2013 May;270(5):1695-700. doi: 10.1007/s00405-013-2425-0. Epub 2013 Mar 12. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23479077

[18] Oksay T, et al. Protective effects of melatonin against oxidative injury in rat testis induced by wireless (2.45 GHz) devices. Andrologia. 2012 Nov 12.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23145464

[19] Marinelli F. e al., Exposure to 900 MHz electromagnetic field induces an unbalance between pro-apoptotic and pro-survival signals in T-lymphoblastoid leukemia CCRF-CEM cells Journal of cellular physiology, 198:324–332 (2004).

[20] Avendaño C, et al. Use of laptop computers connected to internet through Wi-Fi decreases human sperm motility and increases sperm DNA fragmentation. Fertil Steril. 2012 Jan;97(1):39-45.e2.

[21] Barteri M., Pala A., Rotella S., Structural and kinetic effects of mobile phone microwaves on acetylcholinesterase activity, Biophys. Chem.. 2005, Mar 1;113(3):245-53.

[22] Nittby H e al. (2008). Radiofrequency and extremely low-frequency electromagnetic field effects on the blood-brain barrier. 323 Electromagn Biol Med, 27(2):103-126.

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;}

All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrÓ farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione.