» European Consumers membro del C.R.U.C. (Comitato Regionale Utenti e Consumatori), decreto n. T0421

European Consumers
CHI SIAMO | MISSION | INFO | LE ASSOCIAZIONI | LINK | FAQ  
AREE TEMATICHE
martedý 27 giugno 2017 - 10:58
GOOGLE
assicurazioni, strada, autobus e pedoni

19/01/2015 - La propaganda dello sconto

Dal blog http://www.ilcarrozziere.it questo interessante articolo

ddl concorrenza     La propaganda dello sconto

Risarcimento in forma specifica e abolizione cessione credito: terzo tentativo di uccidere la libertà
All’epoca, c’era Mario Monti. La lobby delle Assicurazioni riuscì a far breccia con estrema facilità. E così, arrivò un decreto che introduceva il risarcimento in forma specifica (per gettare gli automobilisti danneggiati da un incidente fra le braccia delle carrozzerie convenzionate con le Compagnie) e l’abolizione della cessione del credito (per far sì che il carrozziere indipendente non potesse difendere l’automobilista, in questo modo da solo contro i giganti delle Assicurazioni). Fu in quei giorni che i 17.000 carrozzieri indipendenti si fecero sentire: con Federcarrozzieri si cercò di spiegare ai politici che quelle norme erano contro la libertà, abbattendo la libera concorrenza e favorendo il totale controllo del mercato Rc auto da parte delle Compagnie. La seconda ondata arrivò con il sottosegretario Vicari: fu lei lo scorso anno a piazzare nel decreto Destinazione Italia l’articolo 8, con il risarcimento in forma specifica e l’abolizione della cessione del credito. Altra presa di posizione molto forte di Federcarrozzieri. Stavolta, il movimento s’ingrossa contro la potentissima lobby delle Assicurazioni: ecco la Carta di Bologna, un successo che profuma di libertà. Ma la terza botta è delle scorse ore: in arrivo un disegno legge con il risarcimento in forma specifica e l’abolizione della cessione del credito, cervellotiche norme sui testimoni nel processo civile e la solita storia del taglio dei risarcimenti per le lesioni gravi.

 

Cosa c’è dietro
Sono le Compagnie a spingere. D’altronde, trovano terreno fertile, con un ventennio di norme create da tutti i Governi a favore delle Assicurazioni: indennizzo diretto, decurtazione dei risarcimenti per le microlesioni, sostanziale abolizione del rimborso del colpo di frusta. Ma la propaganda di chi ha scritto quest’ultimo disegno legge è massiccia e insidiosa, tale da divorare le menti deboli. Basti pensare a come si chiama il disegno legge: ddl concorrenza. Ci vuole fegato per inserire due norme così anticoncorrenziali e liberticide (come risarcimento in forma specifica e abolizione della cessione del credito) in un disegno legge per poi chiamarlo ddl concorrenza.


La propaganda dello sconto

Saranno i telegiornali, in particolare, a pompare di brutto il ddl concorrenza (ci viene la nausea a chiamarlo così). In che modo? Col messaggio da infilare nei cervelli dei telespettatori: grandi sconti a chi accetta risarcimento in forma specifica e abolizione della cessione del credito: Già lo abbiamo sotto gli occhi il comunicato-velina di chi ha inventato il ddl concorrenza: “Paghi 1.000 euro l’anno di Rca? Ora, pagherai 750 euro. Grazie al super sconto del 25% dato dal disegno legge concorrenza”. Roba da pescivendoli che vendono trote al mercurio sottocosto. Ma tant’è. Siamo attesi da settimane di battaglia: serve l’aiuto di tutti i carrozzieri indipendenti. Senza contare avvocati, patrocinatori stragiudiziali e medici legali, anch’essi massacrati da queste norme liberticide.



All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrÓ farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione.